BLOG
Marchi italiani

Modulo registrazione marchio, che cos’è il Modulo C?

28 novembre 2014 | Redazione Tutelamarchio

Con questo post cercheremo di fare luce sul misterioso Modulo C, modulo registrazione marchio (che potrete scaricare qui) – cos’è, come funziona, a cosa serve, come si compila e costi. Il Modulo C è il modulo necessario per effettuare il deposito di un marchio. Il modulo deve essere depositato c/o la CCIAA (ogni CCIAA ha un apposito ufficio per il deposito di marchi e brevetti).
moduloC

Chi può compilare il modulo e quindi depositare un marchio?

Sia persone fisiche che giuridiche

Si possono inserire nel Modulo C più titolari?

Si

Serve necessariamente un avvocato e/o un consulente marchi per depositarlo?

No – la domanda può essere depositata anche personalmente o a mezzo delega

Come si compila per un primo deposito?

Il Modulo C è composto da varie parti A, B, C, E, ecc. di seguito le indicazioni per la compilazione:

  • In alto alla voce “tipo” inserire la lettera “P”
  • A – Richiedente – inserire i dati del richiedente. Nel Modulo C sono presenti 2 riquadri per il richiedente. Questo perché vi è la predisposizione nel caso in cui i titolari fossero più di uno. Quindi, in caso di due titolari, bisognerà compilare i due quadrati. Ma cosa succede se ci sono più di due titolari? Bisognerà scaricare un “foglio aggiuntivo” ed andare a compilare le parti necessarie. In questo caso la lettera A per il terzo e magari quarto richiedente.
  • B – anche se avete inserito il vostro indirizzo nella lettera A ricompilate questa parte. Non effettuando il deposito per mezzo di un avvocato non dovrete mettere la lettera R ma la lettera D.
  • C – eccoci finalmente nella parte più importante del modulo.  Ci sono diverse caselle che vanno compilate:

C1 – descrizione del marchio (Es. il marchio è costituito da un quadrato al cui interno vi è la scritta pinco pallino in caratteri standard);

C2 – indicare tutti i colori presenti nel marchio (inserendo i numeri di pantone). In caso di deposito in bianco e nero inserire la dicitura “Nessuna rivendicazione“;

C3 – i marchi verbali sono quelli composti solo da lettere in caratteri standard su unica riga (Es. pinco pallino)

C4 – sono tutti i marchi che hanno elementi particolari (Es. scritta su più righe, loghi, caratteri diversi delle lettere, alcune lettere maiuscole ed altre minuscole. In altre parole tutti i marchi che possiedano un qualche elemento di fantasia);

C5 – I marchi possono essere individuali (tutti i marchi aziendali) o collettivi (sono i marchi di qualità depositati da soggetti/garanti che, attraverso licenze, consentono l’uso del marchio a terzi purché questi rispettino determinati requisiti qualitativi -Es. “pure lana vergine”, “vero cuoio italiano”). Quindi se il marchio è quello della vostra attività mettete la croce su C5;

C6 – Vedere sopra e Articolo 11 CPI

  • E – in fase di deposito è necessario rivendicare delle classi merceologiche.Le classi seguono la Classificazione di Nizza. La ratio del limite sta nel fatto di evitare che su di un segno si possa ottenere un monopolio assoluto per tutti i prodotti e servizi (Es. pinco pallino per pizza può convivere, senza rischio di confusione, con pinco pallino per tubi idraulici). Quindi nel campo E0 – inserire il numero delle classi totali. E1- il numero della classe (Es. la classe dell’abbigliamento è la 25; quindi inserire 25); E2 – inserire la dicitura “vedere elenco allegato” (al modulo C dovrà essere allegato un semplice file con l’elenco delle classi. Quindi classe 25: scarpe, magliette, calzini. Non è più possibile inserire i titoli generici delle classi ma si dovranno inserire i prodotti e servizi specifici offerti).
    Cosa succede se ho più classi e non mi bastano i campi del modulo C? Si scarica il file “foglio aggiuntivo” e si compilano solo le parti necessarie.
  • F – Priorità. Questo è un campo un pò complesso. In poche parole, chi ha depositato altra domanda di marchio in altro paese o esposto il marchio in Esposizione Ufficiale può rivendicare come data di priorità (cioè di tutela) quella del deposito/esposizione anteriore. Ci sono dei limiti quindi nel caso si abbia il dubbio è bene lasciare il campo vuoto e chiedere consiglio alla CCIAA. Vedere l’Art. 4 C.P.I..
  • H – Rinnovazione. Questo campo va lasciato vuoto in quanto, come indicato all’inizio del post, le indicazioni sono per un primo deposito.
  • I – Mandatario. Questo campo va compilato quando il deposito è effettuato da un Mandatario Abilitato (Consulente Marchi). Depositando la domanda personalmente non dovrete compilare questa parte.
  • L – Annotazioni speciali – Nel riquadro L1 dovrete inserire la dicitura “si allega elenco dei prodotti e servizi di n. pagine..”. Inoltre, questo campo può essere molto utile nel caso di deposito a nome di più titolari. In L1 si possono inserire le percentuali di titolarità per ciascun richiedente.
  • M – Documentazione allegata – Nel grande riquadro va inserito l’esemplare del marchio (portate poi altri esemplari del marchio che dovranno essere dati all’Uff.). Se il marchio è composto solo da lettere in caratteri standard (Es. Pinco Pallino) fate un file word con scritto Pinco Pallino e attaccatelo. Gli altri campi, non avendo mandatari non vi interessano – ad eccezione del riquadro “documento di priorità’” da compilare nel caso in cui si rivendichi la priorità nel riquadro F. Se il marchio non è collettivo non deve essere compilato il riquadro “regolamenti marchi collettivi”. Compilate il riquadro “codici identificativi del pagamento” con i dati del bollettino (codice ufficio postale, N° progressivo documento, N° operazione banco posta/ufficio postale). Nel caso in cui abbiate usato fogli aggiuntivi (es. per le classi E) mettete la crocetta sulla lettera E. Consigli: “Copia autentica” – inserite “si“. Il costo aggiuntivo per la Copia Autentica è molto basso ed è sempre meglio avere una Copia Autentica invece di una semplice copia!
  • Riquadro “Verbale di deposito” – lasciare in bianco

Come devo depositarlo? Cosa devo portare?

IL Modulo C va depositato alla CCIAA (si può depositare anche via posta ma sconsiglio). Portate con voi quanto segue:

  • Attestazione versamento tasse (bollettino -’Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara da effettuarsi sul c/c n. 82618000 – Le tasse ammontano a 101,00 per la prima classe e 34,00 per ogni classe oltre alla prima)
  • Attestazione diritti segreteria (bollettino – consultate la vostra CCIAA)
  • Il file “elenco prodotti e servizi” 
  • Logicamente il modulo C ed eventuali fogli aggiuntivi (1 originale + 2 copie)
  • Esemplare del marchio (portatene 5)
  • Marca da bollo da 16,00 Euro (serve una marca sul primo foglio, e a seguire ogni 4 fogli dalla quinta pagina in poi. Quindi se avete molti fogli aggiuntivi portatevi più marche da bollo). Se richiedete la copia autentica aggiungete altra marca da bollo sempre da 16,00 Euro.
  • Documento di Priorità se la rivendicate

Una volta depositato il marchio i vostri dati saranno pubblici: Vi potranno arrivare molte richieste strane di pagamento – non preoccupatevi –  sono truffe! Non pagate mai, chiedete sempre alla vostra CCIAA o al centralino dell’UIBM!

 

Commenta questo articolo


Chiama TutelaMarchio Chiama il numero
06.8075633
Fax TutelaMarchio Fax
06.8085639
Mobile TutelaMarchio Mobile
375.5683663

© 2018 TutelaMarchio è un marchio della Dott.ssa Silvia Carbonaro.

RICEVIMENTO CLIENTI: Via A. Bertoloni, 29 – 00197 – ROMA (RM)

  • Privacy Policy
  • Note legali
  • Credits
  • Glossario
  • Domande frequenti